mercoledì 29 marzo 2017

Carlo Attilio Rossi

LUCIA

Dov’è il padre della notte o dell’eco che non veste
l’aria e si trucca col buio per ascoltare il sonno
dov’è un padre che ti protegga dai secoli che                                                                                 passano
avidi del tuo profumo? E’ la forbice del freddo                                                                              cieco
che ti taglia il vestito, ma ti offre ai passi leggeri
sulla carta del confine che vorrei incollare al                                                                                 piacere
dei libri già letti, accarezzando la testa o                                                                          toccando l’erba…

Un boulevard che non c’è più allunga le vie al                                                                                        letto
e muove un film di lontananze sulle pareti                                                                                      notturne
un cielo che ti avvolge con la sera a forma di                                                                                     guanto
senza i soffi delle trombe , vuoto sul capo dei                                                                                   caduti.

Continua la memoria di un sax nel silenzio arato
da un volo d’ali nere, forse dita per te o quaderni
di un pittore con gli occhi nel nido del paese
per tutta la notte, passata all’alba con il treno
che l’ombra ritrae dal mare con le ruote arse
per nuova luce sulle vie sorprese ancora ferme.

La primavera ha lanciato sul tuo collo da cigno
di bambina con zucchero nel sangue bianco
un temporale che ti ha tagliato le vene e il                                                                                   pensiero
di Parigi illuminata prima di un viaggio… così                                                                          leggera
e colma di foglie senza patria, cercavi la musica
e l’hai trovata, senza il tuo corpo. E la morte che                                                                        ti spiava
ha avuto paura, vento e neve sul viso, per                                                                                     fermarla.

(inedita)